neve-rugby
Il maltempo, costringe alla terza settimana consecutiva di stop agli irpini

Le avverse condizioni atmosferiche e l’ondata di maltempo prevista per questo week end, che purtroppo toccheranno anche la Calabria e la Campania, ha indotto il Comitato Regionale Campano a rinviare le gare previste tra le formazioni delle due regioni. Pertanto Avellino RugbyClan Catanzaro Rugby è stata rinviata al 22 dicembre del 2013. Per lo stesso motivo, sono state rinviate anche le gare dei cugini Wolves Ospedaletto, per loro il calendario aveva riservato la trasferta all’ Is Universal Pietro Bucci di Rende, contro gli universitari del Cus Cosenza, e il big match della  6° giornata del girone di andata del girone 2 Campania/Calabria, tra il Rugby Rende e l’Arechi Rugby. Quindi, terza settimana consecutiva senza gare ufficiali per il team del Presidente Roca, che riprenderà la preparazione, come di consueto martedì e mercoledì pomeriggio sempre al Manganelli e venerdì sera al Campo Coni, per preparare al meglio quello che sarà il terzo derby ovale cittadino, che si disputerà domenica 8 dicembre al Silvio Piola di Ospedaletto d’Alpinolo, contro i Wolves Ospedaletto dell’ex Zefilippo.

Under 16

Regolarmente in campo invece i lupacchiotti dell’Under 16 che insieme alle Streghe Benevento affronteranno i pari età del Rugby Afragola, l’appuntamento è confermato per le ore 11.00, a Largo Santo Spirito. Strazza&company non partiranno sicuramente con i favori del pronostico, proveranno comunque a rendere la vita difficile ai più esperti avversari, allenati dall’ex lupo Franco Marinelli, qualche apparizione nella stagione 2007/08, quando sulla panca degli irpini siedeva mister Rea.

u16 in meta
Immagine della vittoriosa trasferta contro il Rugby Nola

Terzo tempo

Dal 21 novembre è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane, il lugometraggio il Terzo Tempo (in basso la locandina) storia che tocca da vicino il mondo del rugby. Samuel è un adolescente problematico, con una madre tossicodipendente e un padre che non ha mai conosciuto. Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita commettendo furti, rapine e aggressioni, entrando e uscendo dal riformatorio minorile. Dopo aver scontato l’ennesima pena, viene inserito in un programma di riabilitazione: ottiene la semilibertà e inizia a lavorare nell’azienda agricola di un paesino della provincia romana. Il suo supervisore è Vincenzo, un assistente sociale che, dopo la morte della moglie, fatica a ritrovare il proprio equilibrio. La sua vita si divide tra il lavoro, la figlia adolescente e la locale squadra di rugby che lui, ex giocatore professionista, allena. Samuel si adatta con difficoltà alle regole e ai nuovi ritmi di vita. Il suo rapporto con Vincenzo si rivela da subito problematico, ma è proprio l’assistente sociale a introdurlo nel mondo del rugby. Il terzo tempo, che dà il titolo al film, nel rugby è quello che si svolge al termine della partita: un incontro tra squadre avversarie e tifosi. In un clima conviviale, basato sul fair play e sul riconoscimento del valore reciproco, si festeggia tutti assieme, a prescindere da chi ha vinto o perso. È proprio questa la fase più importante della partita, quella che insegna lo spirito di fratellanza e il rispetto dell’avversario. Valori che il giovane protagonista, classico bullo abituato a vivere in un mondo basato sulla legge del più forte, non ha mai appreso. Quella del terzo tempo è la prima regola del rugby che Vincenzo insegna a Samuel, mostrandogli per la prima volta un mondo dove il gioco di squadra è più importante delle azioni da solisti. Un universo in cui il ragazzo non si riconosce, ma a cui, pian piano, inizierà ad appassionarsi, come mai aveva fatto prima.(Arom)

Il-terzo-tempo-
la locandina del film
commenta, divertiti e cerca di essere educato