upi attendono la loro tana
I lupi attendono la loro tana

L’attesa fumata bianca, per la convenzione del Parco Manganelli, ancora una volta è stata rimandata. In mattinata, una delegazione dell’Avellino Rugby – capitanata dal vice presidente Bruno, seguito da mister Caliano ed il dirigente Romeo – era attesa a Palazzo di Città dal Sindaco Foti, la festa della Polizia, celebrata con una funzione religiosa al Duomo della città capoluogo, in cui il primo cittadino doveva presenziare, ha fatto sì che l‘atteso incontro slittasse nuovamente. Non è stata comunque una passeggiata inutile, quella effettuata dalla triade, grazie anche alla disponibilità del vice sindaco: dott. La Verde, è stato ribadito che il tempo a disposizione non è più abbondante, come nel mese di agosto, visto gli imminenti impegni casalinghi della truppa cara al Presidente Roca e che quanto prima i diretti interessati devono dare una risposta per garantire, quantomeno, alla prima squadra della palla ovale avellinese di poter disputare le gare all’interno del plesso alla foce del torrente Fenestrelle. Ricordiamo che con la diramazione dei calendari, i lupi hanno avuto l’obbligo di garantire la disponibilità del terreno amico, e il 13 ed il 20 ottobre sono impegnati in un duplice turno casalingo con le due squadre cosentine, il Cus Cosenza e il Rende Rugby, qualora non ci fosse questa sacrosanta disponibilità, bisognerà inoltrare al Comitato Regionale Campano, la richiesta di una inversione di campo, oppure chiedere a qualche società amica, l’utilizzo del proprio terreno da gioco. Il numero due della giunta Foti, così come confermato, da Bruno negli ultimi comunicati, si è dimostrato molto possibilista sull’accordo da siglare tra le due parti, ha letto con attenzione il progetto presentato lo scorso 23 agosto dal club, e ha confermato che anche Foti, sensibile al problema, non dovrebbe avere problemi a firmarlo, facendo da garante che se non già nel pomeriggio al massimo nella giornata di domani, questo incontro, si spera decisivo, si farà. E’ stata l’occasione per chiarire anche l’uso e l’utilizzo del Campo Coni, in quanto è stata presentata regolare domanda, per usufruire della tendostruttura adiacente al manto erboso, al fine di proseguire l’attività con i ragazzini del mini-rugby, senza render conto al generale inverno, oramai alle porte. L’edificio è libero il mercoledì ed il venerdì dalle 16:00 alle 17:00, il rag. Colasante, responsabile del settore Attività e Patrimonio Sportivo, ha fatto sapere che non dovrebbero esseci problemi per concedere l’autorizzazione necessaria. Inoltre, almeno fino a quando il nodo Manganelli non sarà definitivamente sciolto è stata fatta richiesta della conferma della stessa struttura per gli allenamenti della squadra Seniores, per i giorni di martedì, mercoledì e venerdì. Chiusa la doverosa parentesi, il XV del duo Caliano&Bianco, domani riprende la preparazione per l’esordio in campionato di domenica prossima, che avverrà in notturna, alle ore 18:30, presso lo stadio F. Squitieri in via del Campo Sportivo snc di Sarno (Sa), contro la Pol. Sarnese Rugby. I due tecnici, così come spesso sono ricorsi nella passata stagione, hanno fissato due appuntamenti pomeridiani, per domani e mercoledì pomeriggio, alle ore 15:00, mentre venerdì è stato confermato l’allenamento serale alle 19:00. Parte del gruppo, in particolare gli atleti dotati di un buon calcio, ieri mattina sono andati a provare al Manganelli, la mini spedizione è stata guidata dal giocatore più rappresentativo degli irpini, vale a dire Roberto De Luca, apparso già  in un buon stato di forma. Tutti abili e arruolati, quindi per il primo impegno stagionale, solo tre gli atleti leggermente acciaccati, che comunque dovrebbero recuperare per il match d’esordio, la roccia Spiniello, uscito con un dolore al braccio, nel test match di domenica scorsa contro i dragoni sanniti, il pasturiello G. Lombardi, ha una caviglia che gli da noie, e l’Edgard Davids cesinalese, Vittorio De Girolamo, affidato alle cure del fisioterapista Fiorentino Nargi, che da quest’anno segue costantemente gli allenamenti dei biancoverdi, gli acciacchi alle due spalle non sembrano del tutto andati via. Indisponibili invece gli universitari “romani” Pagano e Fiore che dovranno rinunciare al debutto, così come i militi anche loro impiegati nelle caserme della capitale, Carmine De Prizio e Alex Montefusco. (Arom)

commenta, divertiti e cerca di essere educato