m di p
La meta lampo dello scorso derby realizzata da, capitan Pericolo, cinque le segnature siglate ai Wolves dal longevo atleta aiellese

Siamo quasi agli sgoccioli, tra poche ore è tempo di disputare il quarto derby dell’ovale irpino, tra Avellino Rugby e Wolves Ospedaletto, le due compagini si sfideranno domani al parco Manganelli alle ore 15:30, in una gara valevole per la sesta giornata del girone di ritorno del campionato di serie C raggruppamento 2 Campania/Calabria. Derby, come al solito all’insegna del fair-play, qualcuno, non conoscendo la storia dei due club, potrebbe pensare che tra le due società non corra buon sangue, invece i rapporti tra le parti sono più che ottimi. Basta pensare che nel primo pomeriggio, il team del Presidente Roca avendo difficoltà a scovare un medico disponibile, il quale lo ricordiamo, permette il regolare svolgimento della gara, senza questa figura l’incontro non potrà prender inizio, ha chiesto ai cugini se avevano a disposizione qualche dottore disponibile, l’ex di turno Flavio Zefilippo immediatamente si è messo a disposizione, “prestando” così la dermatologa Paola Cefalo ai lupi verdi. Accadde lo stesso anche nella gara di andata, quando il club del Presidente Pompeo Fusco, si trovava pressocchè nell’identica situazione, fu il tallonatore Console che quando non gioca a rugby svolge l’attività di odontoiatra, all’epoca (e tutt’ora) infortunato ad offrirsi volontario. Raccontato di questo simpatico anedoto, che cementifica saldamente l’amicizia tra i protagonisti dell’ovale avellinese, parliamo dell’imminente partita che tra poco più di ventiquatrro ore, sancirà se saranno ancora i lupi verdi più anzianotti datati 2002 ad uscire ancora vincitori, così come le precedenti tre sfide, oppure quelli neri che dopo aver siglato i primi nove punti nella gara di andata, ci potrebbero prender gusto e giocare un brutto tiro ai più esperti concittadini. Già detto tutto, di statistiche, precedenti, ex di turno e quant’altro non rimane che parlarvi delle ultimissime, almeno dallo spogliatoio di Pericolo&company. Al termine della seduta di ieri, mister Caliano ed il direttore tecnico Bianco hanno convocato ventuno persone, che salvo defezioni dell’ultima ora dovrebbero partecipare al confronto, come detto è stato tesserato l’ultimo innesto, il serinese classe 96, Rocco De Piano, la sua costanza agli allenamenti e la sua voglia di imparare ha convinto la società a bruciare le tappe, ci sarà anche il rientrante Forino al debutto stagionale, entrambi potrebbero essere il trentaquattresimo e trentacinquesimo elemento utilizzati nel corso della stagione dai biancoverdi. Ecco l’elenco completo, come al solito in rigoroso ordine alfabetico. Balletta, Caliano, Capasso, De Mattia A., De Mattia G., De Piano, Forino, Gaita Vc., Gaita Vg., Govetosa, Iannaccone, Lombardi G., Mernone, Pericolo, Petruzziello, Raosa, Roberto, Ruggiero, Sellitto, Spiniello, Vietri.

Settore Giovanile

L’annunciato incontro che doveva disputarsi nel primo pomeriggio, che doveva vedere scendere in campo i lupacchiotti delle categorie Under 10/12 contro i parietà del Rugby Salerno, guidati dall’ex lupo: Gigi Sbozza è stato rinviato a sabato prossimo, teatro della partitella sarà il Pacevecchia di Benevento, dove molto probabilmente si formerà un’unica formazione che come accennato, parteciperà alla XXXI edizione del Trofeo Mini-rugby città di Benevento, che prenderà il via nei giorni 25 e 26 aprile, motivo del rinvio le improvvise defezioni dei baby rugbisti avellinesi che hanno fatto saltare tutti i buoni propositi ai loro educatori.

Se invadi il campo non farti placcare da un rugbista!

Continua il nostro viaggio alla ricerca delle curiosità che forgia il mondo della palla ovale, questa volta il nostro occhio è caduto su un incontro disputato nel Regno Unito. Durante il match di Premiership tra Exter e Gloucester, un uomo è stato fermato dall’apertura degli ospiti in malo modo. Gli invasori di campo sono un classico nel rugby. Spesso streaker, cioè quelli che entrano in campo completamente nudi, a volte vestiti. Il risultato è, di solito, spassoso e si conclude con il genio che viene portato via di peso dalla polizia. Non a questo uomo che, durante Exeter-Gloucester è stato placcato da Freddie Burns. Gli sarà passata la voglia di fare il genio. (Arom)

burns placca
Il placcaggio di Burns che ha fermato l’avventato invasore
commenta, divertiti e cerca di essere educato