a torre in campionato
La gara in campionato dello scorso novembre!

Tutto pronto, per l’insolita sfida di oggi pomeriggio, che vede di fronte l’Avellino Rugby e l’Amatori Torre, gara valida per la quarta giornata della Coppa Campania che si disputerà sul sintetico dell” “Amerigo Liguori” alle ore 16:30. Entrambe le squadre, sono appolaiate sul fondo della classifica a zero punti, non possono più raggiungere la capolista Rugby Clan in testa con 14 punti, desiderose comunque di risollevarsi dal fondo della graduatoria. Ovviamente i padroni di casa partono con il favore del pronostico, avendo a disposizione un organico più forte e più esperto, anche le statistiche sono tutte di marca corallina, nei dodici incontri fino ad ora disputati, sono sempre usciti vincitori, e solo in tre circostanze non sono riusciti a prendere il punto aggiuntivo di bonus, non realizzando le fatidiche quattro mete, nel 2002-03 (5-21) nelle due gare, andata e ritorno del 2005-06, lasciando il punto agli irpini solo in due circostanze, lo scorso anno, ultima giornata (25-31), e quest’anno, sempre all’ultima (10-15). C’è anche un precedente in Coppa Campania, l’otto maggio del 2010, anche in quel caso fu un monologo dei locali che si imposero 68-12, per la cronaca le due mete irpine furono siglate da Barbarisi e l’altra fu una meta tecnica, Rauseo trasformò solo uno dei due calci aggiuntivi, quell’anno l’Amatori Torre alzò la Coppa. Ci vorrà il migliore Avellino Rugby, per sperare di uscire a testa alta dal “Liguori”, attento, concentrato e con un pizzico di spregiudicatezza. Il tecnico dei biancoverdi, Vincenzo Fico, come al solito lamenta problemi di formazione, anche oggi tante le assenze, oltre a quelle che già si sapevano, Caliano, Console, C. Borriello, si sono aggiunte le indisponibilità di Porcelli, Iandolo, Vietri per motivi di lavoro, e Sepe, Urciuoli, Fiore e Barca per guai fisici, oltre agli infortunati di lungo corso, quali l’ex di turno Nastri, Barbarisi, R. Borriello, Allocca e De Luca. Quindi gli elementi a disposizione del tecnico dei lupi, sono pari a diciotto unità, piloni Sellitto, Forino e Aldarelli, tallonatore Iannaccone, seconde linee Venuso e Mernone, terze Liguori, De Prizio, Spiniello e Polisi, mediani De Vita e Pericolo, centri, ali ed estremi, Carpinelli, Miele, Caputo, Esposito Alaia, Salvarezza e Bronzone. L’altra partita del girone, vede opposti il Rugby Clan che ospita il IV Circolo Benevento, casertani in caso di vittoria strapperanno il biglietto per la finale, sanniti a caccia del colpaccio che li rimetterebbe in gioco. Riposano i Briganti/Afragola. Nell’altro raggruppamento, il Rugby Salerno è di scena a Pomigliano, contro la Partenope,in caso di vittoria Indennimeo e i suoi, sono in finale, mentre una sconfitta accenderebbe le speranze dei partenopei e anche dell’Amatori Napoli che riceve il Rugby Vesuvio, riposa invece il Rugby Nuceria. La madre di tutte le partite invece, tra l’Usr Benevento e le Aquile del Tirreno, club messinese di Barcellona Pozzo del Gotto, si disputerà in quel di Rende (Cs), ore 15:30, non più quindi a Trepuzzi, le proteste della società siciliana, per la scelta della sede salentina, hanno avuto l’effetto sperato, tanto da costringere la Fir a cambiare la sede dell’incontro a soli tre giorni dalla gara, provocando disagi economici e psicologici alla truppa del Presidente Palumbo, che hanno comunque assicurato di vender cara la pelle, l’intero movimento campano sarà al fianco dei ragazzi di Ricci. Si svolgerà a Pomigliano, invece la sfida tra le due semifinaliste perdenti, Union Rugby Viterbo e Padua Ragusa, i questo caso la Fir non ha usato la stessa lunghezza d’onda per spostare la gara a Maratea, come richiesto dai siciliani. L’Under 14, guidata da Carmine Caliano, questo pomeriggio sarà impegnata a Roma, per il Campionato Italiano delle Scuole, i ragazzi della Scuola Media “Cosimo Carusi” di Altavilla Irpina, rappresenteranno l’Irpinia. Questo il programma della manifestazione. L’edizione 2011-2012 del Campionato Italiano delle Scuole e dei Giochi Sportivi Studenteschi è arrivata al suo momento culmine. Per gli oltre 3500 studenti partecipanti – suddivisi in categorie dall’under 10 all’under 16 – le due sedi di Roma e di San Donà di Piave sono pronte ad ospitare la festa finale. Si tratta dell’evento conclusivo di due progetti paralleli, che hanno coinvolto gli studenti delle scuole primarie e secondarie lungo tutto il territorio italiano: il Campionato Nazionale delle Scuole ed i Giochi Sportivi Studenteschi. Al primo parteciperanno gli enti scolastici che hanno aderito ad un numero minimo di tre concentramenti durante tutto l’arco dell’anno e tesserato gli studenti per la prima volta nella stagione corrente. Ai Giochi Sportivi Studenteschi, come previsto dal regolamento ministeriale, possono partecipare, invece, giocatori praticanti nei club rugbystici e giocatori non tesserati per la FIR. A Roma e San Donà di Piave saranno presenti le scuole che hanno vinto la propria fase regionale e vi parteciperanno studenti nati negli Anni 1996, 1997, 1998 e 1999. A Roma arriveranno 106 scuole da tutto il centro-sud. Saranno coinvolti oltre 1500 ragazzi, di cui circa 160 ragazze, che giocheranno al Centro Giulio Onesti all’Acquacetosa. Ancor maggiori i numeri che si registrano a San Donà di Piave. Saranno, infatti, 115 le scuole, con circa 2000 ragazzi di cui 350 ragazze. Sia a Roma che a San Donà è stato posto l’accento sulla sicurezza dei piccoli atleti: saranno presenti medici ed ambulanze munite di defibrillatore. Terminate le partite, giocatori ed accompagnatori sono attesi allo stadio “Mario e Romolo Pacifici” di San Donà di Piave per il tradizionale ed immancabile “Terzo Tempo”. (Arom)

commenta, divertiti e cerca di essere educato