alè
Avellino alla ricerca del poker

Ricomincia da tre, l’Avellino Rugby! Nel senso che, raggiunto finalmente al quarto tentativo, a centrare le tre vittorie consecutive, domenica per la prima volta gioca per la quarta vittoria consecutiva. Avversario di turno, ancora al Santo Spirito, è il Rugby Salerno, terzultima forza del torneo, ma uscito rinfrancato nel derby della Valle dell’Irno, perso di misura (7-5) con i cugini dell’Arehi Rugby. Drop d’inizio, anticipato alle ore 13:00, al fine di sfruttare al meglio la luce del sole, il meteo non porta notizie incoraggianti, prevedendo neve anche a bassa quota, anche se domenica è prevista una schiarita.
La società rossoblu, dopo l’elezione di Fabrizio Senatore nelle vesti di Presidente della Fir campana, ha eletto un nuovo numero uno, trattasi di Maurizio Cascone, vecchia conoscenza del rugby salernitano, lo ricorderete alla guida della franchigia delle Aquile, vincitrice della Coppa Campania di due stagioni orsono, il quale sarà un prezioso consigliere dei tecnici Franco Muotri e Silvano Minelli, che insieme a Senatore, da tredici anni sono i fautori di una vera scuola di rugby che vanta la formazione di diversi giovani, tutt’ora militanti nelle serie superiori, anche questa stagione il settore giovanile risulta al completo, con l’iscrizione alle categorie Under 14,16,20. Quest’anno, la classifica non sorride ai salernitani, dopo le vicissitudini estive, che ha portato l’allontanamento di diversi tesserati, molti dei quali militano nella nuova squadra cittadina, appunto l’Arechi, il trio sopracitato, ha dovuto puntare in toto sugli elementi dell’Under 20 dello scorso anno, a cui si sono aggiunti molti nuovi ragazzi alle prime armi, che sono comunque riusciti a vincere tre incontri, i due con i Wolves Avellino, 77-0 in casa e 5-59 in trasferta, e il colpaccio a Catanzaro contro il Clan 10-18, poi sei sconfitte, dove solo nel derby di domenica scorsa sono andati a punti. La gara di andata, giocata il 4 novembre scorso, vide i lupi made in Irpinia, espugnare per la prima volta il Donato Vestuti, 10-19 per il sodalizio caro al Presidente Roca, mete di De Luca, Urciuoli e Rauseo e due calci in, dello stesso De Luca, che al sedicesimo tentativo – quindici in campionato ed uno in Coppa Campania – riuscirono a battare i rossoblu. Ovviamente non abbiamo considerato la vittoria dell’Under 19, del 18 marzo 2007, quando il tandem Caliano-Zefilippo, guidò alla vittoria i lupacchiotti, 26-17 il finale da Monteuovolo.Avellino galvanizzato dal successo di domenica scorsa nel secondo derby cittadino, a proposito come anticipatovi, è andato a referto il 0-95, non il 0-99, il direttore di gara il sig. Orazio Di Maio, della sez. di Napoli, ci aveva avvisato, solo dieci le trasformazioni di Pericolo giudicate idonee.
Si diceva di un Avellino pimpante, che proverà sicuramente a regalare quest’altra gioia ai suoi tifosi, ovviamente bisognerà evitare cali di concentrazione e soprattutto giocare senza guardare la classifica, il Rugby Salerno è in salute è scenderà al Santo Spirito a vender cara la pelle. Mister Caliano in accordo con il direttore tecnico Bianco – ex di turno – ieri sera hanno ripreso la preparazione, dopo la seduta in palestra di martedì, ripartendo da dove a loro giudizio si è lavorato male, riferendosi alla seconda frazione di gioco contro i volenterosi ragazzi di Zefilippo, facendo riprovare sino alla noia azioni partendo dai pick and go, dapprima con gli scudi poi senza. Al termine la consueta partitella, dove nella palude del Campo Coni, gli stessi tecnici han partecipato. Nessun problema per De Luca, che sembra aver del tutto recuperato, così come per Iandolo assente dell’ultima ora nel derby e Capasso, il veterano, dopo due tentativi andati a vuoto, la sospensione con l’Arechi e l’imprevisto di domenica scorsa, al terzo tentativo spera finalmente di effettuare il nuovo esordio. Da valutare invece la condizione di Fiore, che accusa ancora problemi alla gamba, out ancora Marco Rauseo, il quale dopo essersi sottoposto a risonanza magnetica, è emerso un versamento di liquido sinoviale al ginocchio dx, che dovrebbe andare a riassorbirsi con terapie con raggi ultrasuoni e laser, lo si spera di recuperare per il prossimo match, il 10 febbraio in Calabria, contro la Scuola Rugby Cosenza. Anche De Mattia, rimasto stoicamente in campo, come era prevedibile la caviglia si è gonfiata, difficile ipotizzare un recupero lampo.
Non ci saranno neanche il milite Liguori, e il fresco milite Carmine De Prizio, buone notizie per il germano Pasquale, le nuove cure sottoforma di fisioterapia, stanno ricucendo lo strappo alla spalla, molto probabile che l’operazione agli albori messa in preventivo, possa essere evitata. Anche l’altro storico infortunato, il pilone Barbarisi, ha ripreso in palestra, ancora tre mesi prima del rientro in campo. Tornando alla vittoria del derby, il successo ha regalato nuovi primati a Pericolo&company, il quarto posto in solitario in classifica (il Cus Cosenza non ha giocato a Catanzaro per impraticabilità del campo) con 23 punti, il terzo come numero di mete segnate 39, il quarto riguardo ai punti realizzati 250, ed il secondo, dietro ai Mastini per quanto riguarda i punti subiti, 68 contro 63, solo undici le mete subite.(Arom)

commenta, divertiti e cerca di essere educato