dp-af 2
La carica dei Principi, nell’ultima gara, contro il Rugby Afragola,  disputata al Manganelli, persa 8-12, dello scorso dicembre.

Nella prima giornata di ritorno del girone H della serie C1, per la poule retrocessione, il Rugby Due Principati, ospiterà il Rugby Afragola, domenica 8 marzo, alle ore 14:30, al parco Manganelli di Avellino. Ultima partita tra le mura amiche, per la franchigia irpino/salernitana, che chiuderà poi, lontano da casa le altre due partite di quest’ultima fase, con la trasferta casertana del 29 marzo contro il Rugby Clan e quella corallina con l’Amatori Torre il 12 aprile. Gara, che si preannuncia interessante, dove i Principi, vorrebbero chiudere in bellezza davanti al proprio pubblico, regalandogli il primo successo stagionale, visto che oramai la permanenza in serie c1, a meno di un probabile ripescaggio, è seriamente compromessa. Per farlo, però bisognerà disputare la partita perfetta, provando a giocare con ritmi alti per l’intero arco del match, cercando di evitare di commettere quegli errori in fase difensiva, che spesso sono costati cari al XV del Presidente Sbozza. Non bisogna dimenticare che gli ospiti hanno dimostrato di essere una squadra arcigna e spigolosa, senza contare che gli afragolesi, guidati da mister Vincenzo “Bob”De Stefano, seppur un avversario che potrebbe sembrare alla portata, vista la posizione di classifica che occupa (penultimi, davanti solo ai Due Principati)comunque nelle tre gare disputate hanno avuto sempre la meglio. La preparazione al match è iniziata martedì a Largo Santo Spirito, è proseguita ieri sera al Vestuti di Salerno, si chiuderà stasera sempre nel plesso, sito a piazza Casalbore. Rispetto a domenica scorsa, mister Caliano recupera il “collega”, Marco Muotri, fresco laureato, Melone che ha avuto l’ok dallo staff medico, riguardo alla contrattura al ginocchio e l’eterno Pericolo, di ritorno dalla vittoriosa trasferta scozzese, in dubbio ancora il tallonatore Console, che non ha smaltito del tutto i postumi influenzali e Santomauro, ancora dolorante ad una caviglia. In preallarme ci sono, comunque mister Stanzione pronto a dare il proprio contributo, Sansone e D’Amelio. Saranno ancora assenti Castiello, che ritornerà il 17 marzo dal Sudafrica, Villari, Pastore, oltre ai lungodegenti, Petruzziello, Consalvo, Cherubino, Napoli e Accomando. Settore Giovanile Domenica scorsa, il programma della giornata, prevedeva altri due incontri, oltre quello tra i Due Principati ed il Rugby Clan. Ha iniziato l’Under 16, guidata dal duo Stanzione/Sansone che ospitava la Partenope Napoli, seconda forza del torneo, niente da fare per la truppa salernitano/avellinese che in caso di vittoria avrebbe potuto scavalcare la compagine napoletana. 0-24 il risultato a favore dei biancoblu ospiti, che hanno siglato quatto mete, due per tempo, di cui solo due trasformate. Domenica i rossoblu, osserveranno un turno di riposo. Hanno sfiorato l’impresa invece i ragazzi dell’Under 18, guidata da Silvano Minelli, che hanno sfidato sempre nel parco urbano avellinese, la Partenope Napoli, 15-19 il risultato finale, con la beffa del sorpasso napoletano, arrivata nei secondi finali del match. Nella prima mezz’ora il Rugby Salerno è padrone del gioco e del campo, un calcio di punizione di Cafasso e una meta di Raffaello Monetti sanciscono il momentaneo vantaggio ma su l’unico svarione difensivo nato da un calcio di difesa intercettato e contratto dai difensori napoletani la Partenope accorcia le distanze. Finisce il tempo 8 a 5 a favore dei locali. Secondo tempo. Inizio arrembante del Napoli che caricati dal proprio mediano di mischia siglano la meta del sorpasso. I rossoblu non demordono chiudendo i napoletani nelle propria metà campo ed in un susseguirsi di azioni riesce con una bella azione è Andrea Guarino a marcare la meta a centro dei pali. Trasformazione di Ernesto Cafasso e si va sul 15 a 12. Ultimi 10 minuti il Salerno con leggerezza cerca di arginare il ritorno dei partenopei, il quale fino all’ultimo momento ci credono e sull’ennesima indecisione difensiva, all’ultimo secondo del tempo di recupero, a partita praticamente finita, dove bastava gestire quell’attimo con più saggezza tattica, il calcio difensivo viene deviato e il giocatore napoletano si ritrova come per magia il pallone in mano per segnare la meta della vittoria. Annichiliti i salernitani si vedono beffati all’ultimo secondo rivedendo lo stesso epilogo della partita del girone di andata la quale si risolse allo stesso modo. Beffati all’andata e al ritorno. Prossimo turno domenica alle ore 18:00 al Pietro Abate di Torre del Greco, contro l’Amatori Torre, seconda forza del torneo. Ritorna in campo anche l’Under 14, che alle ore 11:00, al Manganelli ospiterà il IV Circolo Benevento. (Arom)

u 18 3
un azione di gioco dell’under 18

 

 

 

commenta, divertiti e cerca di essere educato