sa-iv
L’Under 16, ad un passo dai barrage per approdare in èlite

Vittoria doveva essere e vittoria è stata, l’ Under 16 si sbarazza del Sacro Cuore Pompei, con un secco 7-48, (1-8) e agguanta al secondo posto l’Amatori Torre che vince di misura contro il San Giorgio del Sannio(16-17) senza ottenere il punto di bonus aggiuntivo, ora entrambe le squadre si trovano appaiate a 47 punti. Come detto alla vigilia, l’impegno, vista l’ultima posizione occupata dalla squadra di casa, si presentava abbastanza agevole, ma i boys guidati da mister Stanzione e Sansone(ieri assente) impreziositi dell’aiuto del tecnico irpino Antonio Mernone, hanno avuto un approccio alla gara troppo soft, attaccando con constanza ma con scarsa lucidità, dove i locali non hanno faticato più di tanto per non capitolare. Ci è voluta un’invenzione di Palacio alla metà del tempo per sbloccare l’incontro; l’italo/colombiano ha trovato un buco al centro ed è riuscito a volare fino in mezzo ai pali, Giordano ha convertito lo 0-7. Il vantaggio non ha sbloccato gli ospiti, che hanno continuato negli attacchi, ma hanno continuato a commettere errori, soprattutto nella trasmissione dell’ovale, troppi davvero son parsi i palloni caduti dalle mani senza pressione, ci son volute così altre due invenzioni dei singoli per trovare altre due mete, prima Fortunato ha sfondato sulla dx, dopo essersi fatto largo in maniera energica, Carota non è riuscito a trasformare, 0-12! Quindi è toccato a Cultrone dopo una fuga da centrocampo terminare la corsa dietro i pali, Giordano ha portato i suoi sullo 0-19, con questo punteggio si è chiusa la prima frazione di gioco. Nella ripresa, i ragazzi del Presidente Garzillo, son riusciti a giocare con più calma e lucidità, strigliati a dovere da coach Stanzione, hanno attaccato gli spazi come richiesto, creando puntualmente la superiorità numerica, altre cinque volte, indi, son riusciti a violare la linea di meta avversaria, per tre volte ci è riuscito il capocannoniere della squadra: il solofrano Vittorio Cultrone, che con le quattro di oggi, raggiunge quota 22, un’altra l’ha siglata Fortunato, che firma così la sua doppietta personale, infine a bersaglio va anche Carota che raccoglie una lodevole iniziativa di Cannoniero. Solo due le conversioni realizzate che portano la firma di Giordano, le altre tre, da posizione defilata, non sono state realizzate da Carota. Gloria anche per il Sacro Cuore che è riuscito a siglare la meta della bandiera, con un’azione di mischia, in prossimità dei pali, costringendo i salerno/irpini a retrocedere di qualche metro. Un plauso particolare, va a Giuseppe Ferrara, l’ala salernitana, infortunatosi dopo pochi minuti al ginocchio sx, è rimasto stoicamente in campo, fosse uscito, il direttore di gara sarebbe stato costretto a sospendere il match, in quanto i rossoblu, non avevano nessun cambio a disposizione.

Formazione: 15 De Benedictis 14 Ferrara 13 Cannoniero 12 Stanzione 11 Fuoco 10 Apicella 9 Giordano 8 Cultrone 7 Carota 6 Fortunato 5 Lepore 4 Civale 3 Longobardi 2 Scognamiglio 1 Palacio. Mete: 4 Cultrone 2 Fortunato 1 Palacio 1 Carota

Calci: Giordano 4(4) Carota 4(0)

Man of the match: Ferrara

sa-pa
Cultrone sempre più bomber della squadra, 22 i centri realizzati dal solodrano

Serie C1 e C2

Anche in questo inizio di settimana, nessuna novità dal Comitato Regionale Campano, ancora nessun segnale indicativo sull’eventuale riproposizione della Super Coppa Campania Seven, kermesse che potrebbe suscitare l’interesse del Rugby Due Principati, sempre in stand-by prima di programmare qualche amichevole per tenere impegnati gli atleti che si stanno allenando regolarmente sempre al Vestuti di Salerno. Ieri si è disputato un incontro che potrebbe interessare da vicino i Principi per la prossima stagione, a Santa Maria Cv, i padroni di casa del Rugby Clan sono stati battuti dall’Amatori Torre(20-22) i corallini con questo successo ottengono la permanenza matematica in serie C1, i sammaritani invece, salvo uno scivolone interno del Rugby Rende, che domenica prossima ospiterà il già retrocesso Rugby Afragola, saranno condannati a disputare lo spareggio con i Mastini Rugby et Tyrrenum, solo una delle due rimarrà o salirà in C1. Buttando l’occhio in categorie superiori, le squadre campane ancora impegnate sono tante; continua a sognarela serie A,  l’Usr Benevento che espugna Colleferro(14-38) e continua a tallonare la capolista Civitavecchia, domenica prossima ospite al Pacevecchia. Salva matematicamente la Partenope Napoli che pur perdendo ad Avezzano(7-6) guadagna il punto che mancava per ottenere la permanenza in serie B. Nei play-off di C1 invece, il derby campano tra Arechi Rugby e Amatori Napoli si conclude a favore di quest’ultimi, 20-21 il risultato finale, che consolida il secondo posto in graduatoria dei partenopei, sempre a -1 dal Rugby Nissa, spegnendo forse le velleità dei salernitani che rimangono al quarto posto, ma con tre partite ancora da disputare, i giochi si possono dire tutt’ altro che conclusi. (Arom)

dp-ve 6
Principi ancora in attesa di conoscere, quello che accadrà nelle prossime settimane
commenta, divertiti e cerca di essere educato