mem-1
Il saluto a fine gara, tra le due compagini che saranno protagoniste del torneo di C2

La sua memoria, stata ricordata come lui avrebbe voluto, dare vita ad una grande giornata di rugby, che ha coinvolto tanti rugbisti campani: juniores, seniores maschile, femminile ed old, sono stati i protagonisti della 1°edizione del Memorial Tonio Margiotta, svoltasi come anticipato, domenica 25 settembre, al parco Manganelli di Avellino, organizzata con la solita sagacia e solerzia dall’arbitro salernitano:Lucio Radetich e lo staff societario e tecnico della Pol. Sarnese, dove l’indimenticato “Totonno” come veniva amichevolmente chiamato dalle innumerevoli persone che hanno avuto l’onore ed il piacere di conoscerlo, fin a quando ha potuto – prima che un brutto male prendesse il sopravvento sulla splendida persona, cui era – era prodigo seguirla in prima persona, dispensando preziozi consigli, facendo leva sulla sua ultra cinquantennale esperienza maturata tra i polverosi campi ovali dalle porte con la acca di tutto lo Stivale. Margiotta, aveva tanti amici, anche nell’Avellino Rugby, dove nella prima stagione di vita, 2002/03, del sodalzio caro al Presidente Roca, diede una grossa mano a formare la squadra, facilitando l’inserimento di alcuni atleti dell’agro-nocerino-sarnese, dirigendo anche qualche allenamento insieme a mister Iammucci e l’assistant-coach Luigi Sbozza, attuale Presidente dei Due Principati. Per ricordare, la figura di Totonno, tanti i rugbisti che hanno voluto partecipare al Memorial, che ha preso il via alle ore 15:00, con una partitella a metà campo tra i giovanotti dell’Under 14 della franchigia irpino/salernitana ed una mista di boys nocerini, afragolesi e di Scampia, , alle 15:30 invece ha preso il via il Triangolare Seniores, tra i Due Principati, Pol. Sarnese e la nuova franchigia che parteciperà al torneo di serie C1 Rugby Afragola/Scampia. Infine, spazio anche ai nostalgici della palla ovale, che per ragioni anagrafiche non calcano più i rettangoli di gioco, ma in qualche modo si tengono in forma, partecipando a raduni, tornei, manifestazioni dove possono cimentarsi e ancora confrontarsi con avversari che un tempo, neanche troppo lontano, con l’antica disciplina della palla ovale. Presenti anche un nutrito gruppo della squadra femminile dell’Amatori Torre del Greco. La kermesse è stata l’occasione anche per tastare la forma, post preparazione atletica dei Principi, alla loro prima uscita ufficiale stagionale, purtroppo solo venti le unità presenti agli ordini del direttore tecnico Maurizio Cascone e del suo staff, molte le defezioni, soprattutto tra gli uomini di mischia, dove i vari Moccaldi, Della Rocca, D.Ruggiero, Crispino, Iandolo, C.De Angelis, De Luca e Balsamo per diversi motivi non hanno potuto presenziare, anche nei 3/4 si è segnalata qualche assenza, infatti non hanno potuto partecipare: Leo, D’Arco e Ndiaye. E’ stato comunque un buon banco di prova, dove i volti nuovi, parliamo dei quattro innesti provenienti dall’Under 18: Claudio Cinquanta, Carmine Marrazzo, Emanuele D’Arminio e Marco Monaco, l’ex aquilano di sponda battipagliese: Dario Manzione, l’ex Arechi Rugby, ma con trascorsi nelle giovanili del Salerno Rugby: Pietro Gargaro, e l’ex Salerno Rugby rientrato dopo due anni di attività, per ragioni di studio: Paolo Salzano si son potuti confrontare con i vecchi del gruppo, dando buone indicazioni all’esperto tecnico salernitano, rimasto soddisfatto dall’impegno mostrato dai suoi ragazzi : “Abbiamo ricordato l’amico Margiotta, come lui avrebbe desiderato, dare vita ad una interminabile giornata di rugby. E’ stata l’occasione anche per provare un pò lo stato di forma dei ragazzi e se quanto provato fino ad ora, si poteva già mettere in pratica anche con avversari di una certa caratura, purtroppo molti elementi della rosa che hanno disputato l’intera preparazione, non erano disponibili, ma chi è stato presente, ha dato segnali confortanti. C’è ancora tanto da lavorare, questo è ovvio, ma arriveremo al 9 ottobre, giorno del debutto in campionato, quando affronteremo al Lago Patria di Giugliano i Lions Nato, pronti a recitare il ruolo da protagonisti anche in questo torneo“. Ogni partita si è disputata in due tempi da quindici minuti ognuno, la vittoria finale se la sono aggiudicata i Cavalieri di Sarno che hanno vinto entrambi i match disputati, 0-14 con i verde/granata e 0-10 con l’Afragola/Scampia, secondo posto per Zizza&company che hanno vinto la prima gara contro la nuova union partenopea, con il punteggio ndi 6-0, due piazzati di Maglio, ma hanno perso contro i biancorossi di Sarno, con il punteggio di 0-14, due mete subite, entrambe trasformate. Molto più tonici e pimpanti i Principi nel primo match, quando son riusciti a mettere sotto la compagine napoletana guidata da Salvatore Lucia, tenendo a lungo il possesso e sfiorando in più di un’occasione la meta. Cascone ha schierato in prima linea i piloni: D’Ardia e Console con capitan Zizza, in seconda i nuovi innesti Gargaro e Manzione, i due flanker Sellitto e Salzano, con Lombardi al centro, mediano di mischia Cinquanta, apertura Marrazzo, centri Marino ed Izzo, ali D’Arminio e Napoli, estremo Maglio. Nel secondo tempo sono entrati, Accomando per Lombardi, A. Ruggiero per D’Arminio, Illiano per Napoli, Monaco per Cinquanta, A. De Angelis per Marrazzo. Discorso diverso contro i biancorossi di Sarno, guidati da Luca Lucia e Marco Raimondi, dopo un buon inizio gli irpino/salernitani han subito la prestanza fisica soprattutto in mischia dei dirimpettai che così come lo scorso anno ne han fatto il loro punto di forza, manco a dirlo la meta subita è arrivata da un carrettino, dopo aver usufruito di una touche sulla dx nei ventidue principeschi. Nella ripresa, dopo aver subito una meta fotocopia, la reazione dei locali non è tardata ad arrivare, sfruttando la linea dei 3/4, hanno costretto i sarnesi ad indietreggiare il proprio baricentro, andando vicino a riaprire l’incontro, prima con Izzo, poi con Console, ma l’attenta difesa ospite ha fatto buona guardia non lasciandosi sorprendere. Vittoria meritata quindi per la Pol. Sarnese che hanno omaggiato nel migliore dei modi, uno dei loro padri spirituali, appuntamento per la seconda edizione il prossimo anno, nel ricordo di Tonio Margiotta! (Arom)

mem-3
La Locandina del Memorial
commenta, divertiti e cerca di essere educato