na-dp-2
Il d.t. Cascone, non è rimasto entusiasta, dell’atteggiamento, mostrato dai suoi

Si è regolarmente disputato, l’incontro dal valore amichevole, tra gli Angri Stallion Rugby ed il Rugby Due Principati, svoltosi domenica mattina, alle ore 11:00, allo stadio Spirito, di Sant’Egidio Montalbino. Test match utile, per la franchigia irpino/salernitana, che ha tastato il suo stato di forma, in vista del prossimo match, che vedrà i Principi, ospitare al Parco Manganelli di Avellino, alle ore 14:30, i Cavalieri di Sarno. Alla fine hanno prevalso gli ospiti, che si sono imposti con il punteggio di 12-29, al termine di una gara combattuta, avvincente ed a tratti equilibrata, dove i debuttanti di casa, guidati dall’inossidabile: Silvano Minelli, colonna del Salerno Rugby ed ex coach, nella passata stagione, dei Due Principati Under 18, sono usciti a testa alta dall’incontro, mostrando in campo, la grinta, la caparbietà e buone trame di gioco, che il proprio condottiero a loro ha inculcato, specialmente nella prima frazione di gioco, terminata con il punteggio di 5-5. Nella ripresa, il direttore tecnico dei verde/granata: Maurizio Cascone, ha cambiato le carte in tavola, dopo aver utilizzato, tutti gli elementi che fino ad ora hanno trovato poco spazio, ha inserito tutti i titolari, che pur faticando, sono riusciti a segnare altre quattro mete di cui solo una trasformata, subendone solo una, portando a casa la vittoria, che comunque hanno meritato. A fine gara, l’esperto tecnico salernitano, ha così analizzato la gara, iniziando a complimentarsi con il suo fraterno amico, oggi, per la prima volta, avversario, dalla panchina opposta, non lesinando una tiratina di orecchie ai suoi ragazzi, per la poca voglia che han messo, in questo impegno. ” Oggi è stata una bellissima giornata, all’insegna della palla ovale, abbiamo appurato con piacere, gli enormi passi avanti fatti dai ragazzi dell’Angri, segnale che il mio amico, lo potrei definire, quasi un fratello: Silvano, sta effettuando un ottimo lavoro, gli auguro che questa nuova realtà, continui il suo percorso di crescita, è che già nel prossimo torneo di serie C2, si riesca a collocare ai nastri di partenza. Mi spiace che i miei, non abbiano onorato l’impegno, come mi aspettavo, si sono limitati a fare il compitino, mentre avevo chiesto, specialmente nella ripresa, di giocare, come fosse una partita di campionato. Nel primo tempo, abbiamo utilizzato, tutti gli atleti, che fino ad ora, stanno effettuando gli stessi sacrifici, di quelli che vengono più impiegati, che stentano a trovare spazio, ci è sembrato doveroso, per la professionalità mostrata, di regalargli almeno il primo tempo, sono convinto, che prima o poi, quando saranno chiamati a sostegno, ritorneranno utili alla causa sposata in comune, oltre ai giovanotti dell’Under 18, tra l’altro ex allievi di Minelli, che rapidamente si stanno inserendo, nei nostri collaudati schemi – ha poi continuato, ricordando i prossimi appuntamenti, esortando la sua truppa, a non mollare, per perseguire l’obiettivo finale, che appare sempre più alla portata dei Principi – sarà un mese e mezzo di fuoco, quello che ci aspetta, in queste ultime sei gare, ci giochiamo il nostro futuro, domenica ospiteremo la Sarnese, i ragazzi sanno che, vincere quella partita, significa mettere una seria ipoteca all’obiettivo prefissato, prepareremo questi due allenamenti, con la solita abnegazione e forza di volontà, venerdì ci saranno anche i ragazzi della Zona Orientale, a darci manforte”. Assenti: D’Ardia, Maglio, Crispino e De Luca, oltre ai soliti noti infortunati, a cui si è aggiunto: Marco Napoli, uscito malconcio dall’ultimo incontro contro la Partenope, per un colpo alla clavicola, il trottolino di Baronissi, dovrà indossare un tutore per quaranta giorni, e poi vedere se la sub-lussazione, procurata, sarà rientrata. Nella prima parte di gioco, il d.t, ha utilizzato Tito e Ruocco come piloni, con Console tallonatore, in seconda linea si son accomodati, Rago e Miraglia, Sellitto e Accomando i due flanker, con capitan Zizza in mezzo, mischia affidata a Cannoniero, apertura a Marrazzo, Ruggiero e D’Arminio i due centri, Longo ed Illiano le due ali, Cinquanta estremo, formazione inedita che è riuscita a sbloccare l’incontro al 30′ grazie ad una penetrazione di D’Arminio, Marrazzo non ha trovato l’acca(0-5), i padroni di casa hanno prontamente reagito, trovando la meta del pareggio, grazie ad una percussione della mischia, dopo soli due minuti, non convertito il calcio a seguire(5-5). Nella ripresa, Cascone ha cambiato in toto l’assetto, inserendo Della Rocca e Moccaldi nel ruolo di piloni, confermando Console tallonatore, in seconda è rimasto Rago, affiancato da Gargaro, a far compagnia in terza linea a Sellitto e Zizza, è entrato Feo, a comandare la mischia è rimasto Cannoniero, all’apertura è passato Leo, i due centri Marino e D’Arminio, le due ali Marrazzo e Musella, Cinquanta estremo. Dopo due minuti, è stato capitan Zizza a trovare la meta del nuovo vantaggio, Marrazzo ancora impreciso, 5-10, l’atleta salernitano, capocannoniere della squadra, con nove centri, si è ripetuto al minuto 25, sganciandosi tempestivamente da un avanzamento della mischia, Marrazzo, questa volta fa centro, 17-5. Gli stalloni di Angri non ci stanno, riescono a rientrare in partita, segnando in prossimità dei pali(12- 17) al 35′. Nel finale, i Due Principati, approfittando anche di un calo fisico degli avversari, chiudono i conti, siglando altre due mete, prima con il maestro Leo, poi con il trattore ebolitano Moccaldi, Izzo, nel frattempo subentrato a D’Arminio, mette dentro solo due dei quattro punti a disposizione, fissando l’incontro sul 12-29.

Formazione: 15 Cinquanta 14 Illiano(1’s.t. Musella) 13 D’Arminio(25’s.t. Izzo) 12 Ruggiero(1’s.t. Marino) 11 Longo(1.s.t. Leo) 10 Marrazzo(30’s.t. D’Arco) 9 Cannoniero 8 Zizza 7 Accomando(1’s.t. Feo) 6 Sellitto 5 Rago 4 Miraglia (1’s.t. Gargaro) 3 Ruocco (1’s.t. Della Rocca) 2 Console 1 Tito(1’s.t. Moccaldi).

Mete: 30′ p.t. D’Arminio, 2′ e 25′ s.t. Zizza, 37’Leo 39′ Moccaldi Calci: Marrazzo 3(1) Izzo 2(1)

min
L’ex di turno, Silvano Minelli, la sua esperta mano, si è già notata, nella crescita dei giovani stalloni angresi

Settore Giovanile

Come detto, vista la pausa, dovuta all’impegno dell’Ital-rugby, al VI Nazioni, il quale ha affrontato all’Olimpico di Roma, la Francia – gli uomini di O’Shea, si sono arresi con il punteggio di 12-40 – solo l’Under 14 è scesa in campo. Con esattezza, domenica alle 14:30 al F. Compagna di Benevento, contro i sanniti del IV Circolo, al termine di un’avvincnte match, la Fortidudo Euritmica, società in cui il plotoncino di baby irpini, terminerà la stagione, si è arresa, soccombendo per cinque mete a tre. Soddisfatto il tecnico irpino, Mernone che ha guidato la pattuglia avellinese, insieme a coach Ievoli, della prestazione dell’intera squadra.

bl-ng
Il Settore Giovanile della Fortidudo Euritmica
commenta, divertiti e cerca di essere educato