minirugby av-sa.jpg 3
I baby di Avellino e Salerno con i loro allenatori, sotto i pali ad acca

La più bella vittoria l’avremo ottenuta quando le mamme italiane spingeranno i loro figli a giocare al rugby se vorranno che crescano bene, abbiano dei valori, conoscano il rispetto, la disciplina e la capacità di soffrire. Questo è uno sport che allena alla vita.”
John Kirwan (ex allenatore Ital-rugby 2001/05)

Dopo il successo della scorsa settimana, sabato 4 gennaio 2014, l’Avellino Rugby ha organizzato un nuovo incontro di Minirugby, per le categorie Under 10/12, invitando al parco Manganelli gli amici del Rugby Salerno, questa volta scortati addirittura dal Presidente Maurizio Cascone, oltre che dai tecnici Luigi Sbozza – vecchia conoscenza dell’ovale biancoverde, lo ricorderete assistant-coach del primo biennio del club (2002/04), allenato allora da Michele Iammucci – e Vittorio Liguori. Per l’Avellino invece presenti mister Caliano ed il dirigente Romeo, che come ricorderete sta conseguendo il patentino di 1°livello. Il maltempo, lo diciamo subito, non ha rovinato la festa agli aspiranti baby rugbisti che non si sono lasciati condizionare dalle avverse condizioni atmosferiche, incitati dalle numerose famiglie, munite di scomodi ombrelli e ingombranti impermeabili, oltre che ad utilissimi e moderni cellulari che hanno permesso di scattare numerose foto per immortalare le gesta e qualche prodezza dei propri figli. Qualche defezione da parte dei lupacchiotti, causa malanni stagionali, non ha affatto condizionato l’incontro, due squadre composte da otto unità, come al solito disposti ad una metà del campo, hanno dato vita ad un avvincente contesa, svoltasi in tre tempi da 15 minuti, dove i rosso blu della Valle dell’Irno hanno avuto la meglio sui biancoverdi irpini, solo di misura; battendoli per sette mete a sei, in evidenza nelle file avellinesi lo sgusciante Antonio autore di tre segnature, il forzuto Mario, il placcatore Gabriele ed il veloce Lorenzo. Dopo gli applausi ed i saluti di rito al centro del campo, una meritata doccia calda per tutti, per poi radunarsi davanti ad un ricco terzo tempo, che contraddistingue il gioco del rugby dagli altri sport, dove i numerosi presenzti hanno potuto familiarizzare. Visto i buoni rapporti tra le due società, l’evento sarà destinato a ripetersi alla prima data utile, che potrebbe essere domenica 12 gennaio o quella successiva il 19. Anche la Seniores, come detto, ha ripreso ad allenarsi le due sedute abbastanza bagnate, di sabato ed ieri, non hanno intaccato la verve dei ragazzi di mister Caliano ed il direttore tecnico Bianco, che riprenderanno domani e martedì sempre a Largo Santo Spirito – ore 15:00 –  e venerdì sera alle 19:00 al Campo Coni, inoltre sarà indetto un allenamento aggiuntivo sia sabato, solo per gli avanti a partire dalle 11:00 al Manganelli e domenica stesso posto stessa ora solo per i 3/4. In infermeria, rimane solo l’ariete Montefusco, mentre per i rispettivi impegni extra-agonistici, non riescono in questo momento ad allenarsi con regolarità, i vari Vietri, Spiniello, G. Lombardi, Simeone e Roberto. Intanto con una nota, del proprio Presidente: Avv. Fabrizio Senatore, il Comitato Regionale Campano, informa: ” Nell’ambito delle attività di sviluppo dell’attività Seven, così come richiesto dalla Federazione, organizza il Trofeo Coppa Campania Seven Seniores, destinato ad individuare una vincente nell’ambito delle attività di sviluppo dell’attività Seven, destinato ad individuare una vincente, che parteciperà poi alla finale nazionale che si svolgerà a Roma tra le vincenti delgli altri Comitati. Il Trofeo sarà disputato nelle seguenti date: 19 gennaio 2014, 26 gennaio, 18 maggio, 25 maggio, 1 giugno, 8  giugno, ad ogni tappa sarà effettuata presso una società ospitante e organizzatrice. Ad ognuna di essa si potrà iscrivere un numero illimitato di società ; non possono iscriversi club composti da giocatori provenienti da diverse società (squadre miste). Possono iscriversi Società anche se non partecipanti ad attività Seniores federale, purchè in regola con il tesseramento. L’iscrizione a ogni singola tappa è libera, non vi è obbligo per le società partecipanti di partecipare a tutte le tappe. Ci si può iscrivere anche ad una sola tappa. Per ogni tappa verranno assegnate alle squadre i seguenti punteggi: 2 punti per ogni partecipazione alla tappa, 10 punti alla prima, 6  alla seconda, 4 alla terza 2 alla quarta. La vincente designata alla fase finale dovrà avere partecipato ad almeno tre tappe. Ai fini organizzativi, le società potranno iscriversi presso il comitato entro il martedì precedente alla data fissata per la tappa. Il Comitato organizzerà un primo  incontro di studio con i tecnici delle società prima della effettuazione della prima tappa, nonchè ulteriori appuntamenti successivi, per fornire ai tecnici indicazioni specifiche per quanto riguarda il Seven, in modo da formare progressivamente i tecnici che potranno formare giocatori di Seven all’interno delle proprie società. Si chiede alle società interessate, di prenotare la data per la tappa di Seven che intendono organizzare, in modo da programmare un calendario di attività” .
L’Avellino Rugby sta vagliando l’ipotesi di partecipare all’inedito evento, lo staff tecnico e quello dirigenziale lo hanno proposto a tutti i tesserati, a stretto giro sarà fornita una risposta al Comitato Campano, che potrebbe essere affermativa, anche in virtù del fatto che in questo torneo, non ci sarà la tradizionale Coppa Campania.
Ladies Rugby Club Awards 2013: è Veronica Schiavon la giocatrice dell’anno!
Se Alessandro Zanni è stato eletto il miglior giocatore italiano del 2013, la miglior giocatrice è stata Veronica Schiavon che ha ottenuto più dell’80% delle preferenze (601 voti). Con le sue abilità nel gioco tattico, la sua bravura al piede ed una difesa sempre all’altezza, Veronica, ha guidato le azzurre al miglior 6 Nazioni della nostra storia, impreziosito da una vittoria con la Francia a Rovato arrivata proprio grazie ad un suo piazzato da lunghissima distanza a tempo scaduto. Peccato per la mancata qualificazione al mondiale, dove Veronica sarebbe stata sicuramente una delle stelle della competizione. Complimenti anche alle altre due contendenti più accreditate Weronica Zajac del Rugby Forlì (195 voti) e Mirjam Keller dell’Umbria Rugby Ragazze (142 voti) che si sono classificate rispettivamente al secondo ed al terzo posto. (Arom)

ver.sch.
La miglior azzurra del 2013 : Veronica Schiavon, mediano d’apertura della Nazionale Femminile
commenta, divertiti e cerca di essere educato