lupi a riposo
Lupi a riposo forzato, per il rinvio della gara contro il Nuceria

Come previsto, e con un giorno d’anticipo, arriva l’ufficialità sul rinvio della sfida tra Avellino Rugby e Nuceria Rugby. La Fir ha fatto infatti sapere di aver preso atto dell’indisponibilità dell’impianto di Parco Santo Spirito a causa dei lavori di manutenzione e di aver disposto pertanto la posticipazione della partita al prossimo 27 febbraio. Turno di riposo forzato, dunque, per gli irpini e i salernitani, che torneranno in campo domenica 20 febbraio, rispettivamente nelle trasferte contro Wasps Stabia e Afragola, prima del recupero, fissato in concomitanza del turno di riposo del campionato. Lavori di manutenzione al campo di Parco Santo Spirito: questa il motivo a causa del quale la sfida di domenica prossima tra Avellino Rugby e Nuceria Rugby è stata rinviata. Con l’indisponibilità del neonato impianto cittadino le alternative che si prospettano in vista della sfida valida per la quinta giornata del campionato regionale di serie C erano tre: inversione di campo, ricerca di un rettangolo di gioco alternativo da parte dei lupi, rinvio della gara. La prima soluzione appare poco praticabile. Il match d’andata infatti è stato regolarmente disputato in terra salernitana e quindi l’inversione consentirebbe al Nuceria di sfruttare il vantaggio interno nell’intero doppio confronto. Improbabile anche la possibilità di utilizzare un impianto alternativo, vista la penuria di strutture adatte al rugby in città e le difficoltà già affrontate dai biancoverdi negli scorsi anni. Per questo il CR campano ha optato per il rinvio. In ogni caso sarà la Federazione a sciogliere definitivamente le riserve venerdì.Intanto le due squadre under 16 hanno fornito un “antipasto” della sfida, facendo registrare la prima importante e storica vittoria dei lupacchiotti nella categoria di riferimento. Per la cronaca, gli irpini si sono imposti 7-5 al termine di una gara combattuta ed incerta fino all’ultimo secondo.

commenta, divertiti e cerca di essere educato