av-iv
Ultima gara casalinga, il Iv vola in finale

Missione compiuta per il IV Circolo Benevento, che con la vittoria di ieri ottenuta ai danni di un coriaceo Avellino Rugby, ottiene il pass per la finale di Coppa Campania, il quale disputerà domenica 3 giugno, molto probabilmente al “Giovanni Leone” di Pomigliano d’Arco, contro il Rugby Salerno. Si congeda con un altra buona prestazione tra le mura amiche, invece il XV caro al Presidente Roca, che seppur in formazione rimaneggiata in più di un occasione ha reso la vita difficile ai più esperti cugini, concedendo solo nel finale la quarta meta del bonus, riuscendo a segnare i primi punti, visto che nn vi erano riusciti in entrambe le partite di campionato, andando a siglare anche una meta, peraltro di pregevole fattura con un altro baby dell’Under 20, dopo quella di Scotti di domenica scorsa, ieri è stato il turno di Gerardo Urciuoli, altra giovane promessa della “cantera” irpina.

Ancora problemi di formazione, quindi per il tecnico irpino, che dei ventuno atleti in cui contava di disporre, come si parlava nell’ultimo comunicato, ha dovuto rinunciare a ben sette, infatti i vari Aldarelli, Iandolo, Venuso, Iannaccone, Esposito Alaia, Spiniello e D’Amelio, per motivi di varie entità non hanno potuto presenziare all’evento, quindi ha dovuto sacrificare Miele, che aveva annunciato il forfait alla viglia per un fastidioso strappo inguinale e facendo debuttare il fresco maggiorenne Mario Pagano, che si è ben disimpegnato nel ruolo di flanker. Quindi solo sedici gli uomini a disposizione, con il solo Liguori in panchina che, entrerà ad inizio ripresa al posto dell’acciaccato Polisi, il duttile atleta mugnanese, sarà il solo dei 48 uomini impiegati a disputare tutte e 25 le partite, risultando anche il capocannoniere della squadra al pari di Carpinelli con sei mete realizzate. Il tecnico dei biancoverdi Vincenzo Fico, costretto per l’ennesima volta a ridisegnare la formazione con importanti variazioni, piloni Forino e Sellitto, con Caliano nell’inedito ruolo di tallonatore, seconde Mernone e Bronzone, terze Polisi, De Prizio e Pagano, mediano di mischia De Vita, apertura Urciuoli, ruolo che ricopre anche nell’Under 20, primo centro Fiore, secondo Borriello, ali Scotti e Pericolo, e Miele, altra novità estremo. La Partita

Calcio d’inizio, come da copione alle 16:30, gara diretta per la quarta volta in questa stagione dal signor Vincenzo De Falco della sezione di Napoli, giornata finalmente estiva che ha riscaldato i numerosi spettatori, abituali e curiosi, che hanno assistito ad una gara corretta ma allo stesso tempo maschia. Ospiti in completa tenuta blu, padroni di casa con la consueta casacca nera con bordi bianco e verdi. Inizio, come ci si attendeva di marca sannita, che onde evitare spiacevoli sorprese hanno il chiaro intento di archiviare subito la pratica. Impiegano soli cinque minuti, dopo vari assalti frontali a sbloccare il punteggio, si apre un varco sulla dx, dove si infila un centro che va a segnare in prossimità dei pali, calcio a seguire trasformato 0-7! Avellino, si riorganizza, provando a sfruttare la propria arma migliore, vale a dire la velocità dei 3/4, Urciuoli è preciso a innescare la verve di Fiore, puntualmente sostenuto da Borriello e Pericolo, beneventani in difficoltà spesso costretti a maniere spicce per fermare i volenterosi avversari, come al 12° quando ci si affida al destro di Bronzone che non ha problemi a centrare i pali, 3-7, non sarà fortunato invece al 23° quando la sua parabola esce di un nonnulla, sarebbe stato il 6-7!

Scampato il pericolo, il team del Presidente De Vanna, ricomincia a macinare gioco, pur commettendo numerosi errori di trasmissione, costringono nuovamente alla difensiva i padroni di casa, che resistono fino ad un minuto dallo scadere, quando dopo un assedio durato almeno otto minuti riescono a trovare la seconda meta di giornata, con una giocata della mischia sull sx del rettangolo calcio eseguito senza problemi, 3-14, con questo punteggio De Falco manda a rinfrescare i trenta protagonisti. Ripresa come già detto che inizia con l’ingresso di Liguori in logo di Polisi, il copione rimane lo stesso, Quarto che cerca di imporre il proprio gioco, Avellino che si difende non lesinando qualche sortita, in qursta fase i placcatori di casa sono costretti agli staodinari, il solito Pericolo, il piccolo ma roccioso Miele, i granitici Fiore e Borriello in più di un occasione fermano le scorribande degli ospiti, nulla possono al minuto diciotto, quando sulla sx viene servita l’accorrente ala che probabilmente prima di arpionare l’ovale mette un piede fuori dal campo, l’arbitro nn vede terza meta realizzata, non il calcio a seguire, 3-19!

I lupi, non si perdono d’animo, gettandosi di nuovo all’attacco, al 21° i loro sacrifici vengono premiati, Caliano con un lancio al piede mette in difficoltà l’estremo ospite, il quale difetta nel controllo, egli stesso seguito da Urciuoli si gettano sul punto d’incontro, sarà proprio Urciuoli il più lesto a rubare l’ovale e ad involarsi dopo una fuga di venti metri braccato dagli inseguitori a depositarlo in meta, primo centro in serie C per il promettente Under avellinese. Bronzone, non ha problemi, riuscendo ad andare a bersaglio,10-19!

Avellino ora ci crede, la mischia inizia ad osare con più frequenza, sono i piloni Forino e Sellitto a provarci supportati dal sempreverde Mernone e dal restante pack, ma la sorte non gioca in favore degli irpini, che perdono il mediano di mischia De Vita, per una ferita al gomito, l’ex afragolese costretto alle cure mediche, il dottor Di Martino lo rispedisce in campo dopo cinque minuti. Sommella striglia i suoi, invitandoli a giocare con più concentrazione, non vuole correre il rischio di vedersi rovinare la festa, ci pensa la terza linea centro, un vero bisonte il quale da una mischia chiusa, sfonda tre placcaggi e va a schiacciare in mezzo ai pali, regalando la quarta meta con il punto di bonus aggiuntivo, calcio ok, 10-26!

Mancano ancora dieci minuti, che De Prizio&company, giocano con un uomo in meno, Caliano insiste con le proteste contro l’arbitro, il quale gli sventola il giallo, De Vita passa tallonatore, Miele mediano e Pericolo estremo. Nonostante l’inferiorità i lupi, chiudono all’attacco costringendo di nuovo alla difensiva i blu, ma purtroppo la seconda meta che a nostro giudizio avrebbero anche meritato, non arriva, 10-26 il risultato che va a referto. Gli allenamenti avranno seguito, mercoledì prevista una seduta sempre al Campo Coni, poi da venerdì 1 giugno, giorno dell’inaugurazione degli Sport Days, si proseguirà nelle date in cui sono previste le giornate dedicate al nostro nobile sport, infine alla fine del mese di giugno, in occasione per i festeggiamenti per il decennale, tra le tante iniziative organizzate dalla società irpina, si svolgerà una gara amichevole con i gemellati della squadra svizzera del Wurenlos. Dopodichè anche questo stagione andrà in archivio, che non senza difficoltà ha visto, portare il nome di Avellino con orgoglio e dignità in ogni campo della Campania. (Roar)

commenta, divertiti e cerca di essere educato