peccato.. forza bob
La grandinata così ha ridotto il Vestuti

E’ durata trentacinque minuti, la sfida tra i padroni di casa dell’Arechi Rugby e l’Avellino, dopodichè Giove Pluvio ha scaricato tutti i suoi strali sul Donato Vestuti di Salerno a ritmo di grandine e pericolosi tuoni e fulmini, che ha costretto l’arbitro, o meglio l’arbitressa, la beneventana Maria Giovanna Pacifico a sospendere definitivamente il match. La gara in verità è iniziata con circa un’ora di ritardo, viste le abbondanti pioggie abbattutesi nel capoluogo salernitano, che già avevano lasciato presagire un possibile rinvio, poi un’improvvisa schiarita ha illuso le due compagini e lo stesso direttore di gara ad iniziare, i padroni di casa ritracciavano le linee del campo e rimontavano i pali, sicchè la contesa poteva prendere il via, almeno fino al minuto 35, quando la fitta grandinata richiedeva l’immediata e definitiva sospensione. Si comincia, come annunciato, con un minuto di raccoglimento nel ricordo di Maria Paola Rauso, ed anche per Mario De Simone, campione salernitano di taekwondo, prematuramente scomparso. Le due squadre fino a quel momento, nonostante il terreno di gioco, simile ad una palude, stavano comunque dando vita ad un incontro interessante ed equilibrato, che vedeva i gialloblu del trio Indennimeo, Falivene, Romano condurre di misura 10-5 sui biancoverdi di Caliano&Bianco. Dopo una fase di studio, gli inzuppati trenta uomini scesi in campo, provavano a scardinare le difese che comunque riuscivano a reggere gli attacchi, frutto più della fisicità e della caparbietà che di una vero e proprio schema di gioco, tante moul, innumerovoli ruck, ma anche tanti passaggi in avanti causati da un ovale a tratti davvero incontrollabile. L’equilibrio lo spezzava l’unico dei tre allenatori della Valle dell’Irno in campo, Luciano Indennimeo che sfruttava un piazzato da posizione centrale, al minuto 14, portando i suoi sul 3-0. Avellino reagiva, guidata da un ispirato Miele, il petisso, veniva schierato nel ruolo di apertura, al posto di Rauseo fermato da una grana muscolare all’ultimo minuto, servito da Urciuoli, si involava sulla dx, al che serviva l’accorrente Vietri, buona la finta del “tabaccaio” il quale smarcava l’accorrente Pericolo, fermato in touche del disperato recupero dell’estremo di casa. Al 19° locali in meta, lungo spiovente dell’ala che percorreva circa trenta metri da sx verso dx, sulla traiettoria si inseriva l’altra ala che fortunosamente riusciva a catturare l’ovale e a depositarlo in meta, trasformazione eseguita, 10-0! Lupi, sotto break, forse immeritatamente, provano a venire fuori provando a schiacciare i dragoni, punizione dalla metà del campo, Miele batte velocemente, cogliendo di sorpresa gli avversari, la fuga del petisso è impressionante, non trova alcun ostacolo, la meta è cosa fatta, Pericolo, risulterà impreciso nella trasformazione, siamo al 30°. 10-5! Risulterà l’ultimo sussulto della contesa, poi ci pensa, appunto Giove Pluvio, a mandare tutti sotto la doccia. Incontro, quindi da riprogrammare, visto l’imminente inizio del Six Nations, con gli impegni casalinghi dell’Ital Rugby, appare improbo che il 3 o il 24 febbraio – uniche due pause del girone di ritorno – che in queste due date venga deciso il recupero della gara, molto più probabile che si aspetti il termine del torneo, fissata per il 10 marzo. Si attendono comunque indicazioni nei prossimi comunicati della Fir Campania. Questo il XV schierato da Caliano, piloni: Sellitto e Spiniello, G. Lombardi tallonatore, seconde linee : Forino e Picariello, terze : C. Borriello, Iandolo e G. De Mattia, mediano di mischia: Urciuoli, apertura: Miele, primo centro: Fiore, secondo: Vietri, ali: Ruggiero e D’Amelio, estremo Pericolo. Non entrati: Mernone, Console, S. Lombardi e Capasso. Intanto, domenica prossima ci sarà il derby di ritorno, contro i Wolwes Avellino – che proprio quest’oggi hanno siglato la loro prima storica meta, contro il Rugby Salerno – mister Caliano, in accordo con il direttore tecnico Bianco, ha previsto tre sedute di allenamento, una pomeridiana fissata per mercoledì, una serale, solo per gli uomini di mischia, giovedì ore 19:00, e per concludere quella solita del venerdì sempre in serata. I due club, già sono in accordo, così come nella gara di andata, per coinvolgere tutti gli appassionati dell’ovale cittadino, pubblicizzando l’evento, radunando tutti poi nell’immancabile ricco e gustoso terzo tempo.(Roar)

commenta, divertiti e cerca di essere educato