be-ru 6
La sabbia rovente non ha fermato i Due Principati

Dopo la non proprio esaltante esperienza di sabato scorso, dove i Principi on the beach, finirono ultimi, nella sesta Tappa Beach Rugby, al Made in Italy di Marina di Eboli, ieri pomeriggio al Porticciolo di Pastena di Salerno, hanno conquistato un brillante secondo posto. Dopo aver accettato l’invito, dagli organizzatori per le categorie Juniores già nella giornata di martedì, in extremis anche la Seniores ha risposto presente, l’evento come detto nel precedente comunicato è stato fortemente voluto dai ragazzi salernitani della Zona Orientale, dove alcuni di loro fanno parte del Comitato ” Giù le mani dal Porticciolo” il quale ogni anno sono i promotori di questa interessante iniziativa, i boys della Zona Orientale, sono un nuovo club, ancora non affiliato alla Federugby, che dallo scorso anno ha iniziato ad allenarsi al Parco Mercatello di Salerno, protagonisti già di qualche gara amichevole nel Rugby a XV, ad un torneo Seven ed ora anche al Beach Rugby. Oltre ai padroni di casa e alla franchigia irpino/salernitana, altre due (per un totale di quattro) le squadre iscritte: i Bull’s proveniente dalla zona Battipaglia/Eboli e la squadra capitolina degli All Red, da qualche anno presenza fissa della kermesse. La formula del torneo, prevedeva, un girone unico all’italiana, con partite solo di andata, dove le prime due classificate, si sarebbero scontrate nella finale per il 1°e 2° posto. Tredici le adesioni per i Due Principati, che per questa circostanza hanno scelto il nome di battaglia: The Drunker’s: Salvarezza, Balsamo, Lombardi, Gianluca Muotri, Izzo, Miraglia, Ruggiero, Zizza, D’Ardia, Sellitto, Consalvo più due elementi dell’Under 18, Ernesto Cafasso e Carlo Adinolfi. Il debutto per i verde/granata non è stato di certo incoraggiante, infatti nei due tempi da cinque minuti previsti dal regolamento, Salvarezza&company, si sono arresi subendo sette mete, realizzandone solo una con Gianluca Muotri. La seconda gara, invece, è andata decisamente meglio, infatti contro la Zona Orientale, c’è stata una netta affermazione, otto mete realizzate solo una subita, due a testa per Muotri jr ed Andrea Izzo, una per Salvarezza, Balsamo, Cafasso ed Adinolfi. La terza, era quella decisiva con gli All Red, per appurare qualle delle due squadre avrebbe raggiunto in finale i Bull’s, che con due vittorie ed un pareggio, guidavano la classifica. E’ stata la miglior prova sfoderata dai Drunker’s, che son riusciti a battere i romani per 5-2. Ancora Gianluca Muotri sugli scudi, autore di  tre mete, che si andavano ad aggiungere a quelle di Salvarezza e Cafasso.

be -ru 6
il Gazebo allestito dai ragazzi del Comitato ” Giù le mani dal Porticciolo”

Finale quindi conquistata, prima di disputarla c’è stata la finalina per il 3°e 4° posto, vinta dagli All Red contro la Zona Orientale per 3-1. Purtroppo i Bull’s si sono dimostrati, così come nella prima gara superiori a Miraglia&soci, si sono imposti col punteggio di 4-2 aggiudicandosi la coppa per il 1° posto, accontendadosi così della piazza d’onore. Le due mete per i Principi portano la firma ancora di Muotri jr, che con otto segnature ha vinto il titolo di capocannoniere. Giornata di puro sport, quindi, intervallata da tuffi sugli scogli e sole sui teli da mare, ma anche un dì all’insegna della goliardia, infatti i simpatici organizzatori d, avevano previsto di assegnare anche altri simpatici gadget, dove ogni squadra votava un proprio giocatore, che riteneva idoneo al premio in oggetto, ad esempio Simon Sellitto ha vinto il premio mani bucate (scelto, per qualche ovale caduto dalle mani) Andrea Izzo si è aggiudicato il premio, l’uomo più nudo in campo (essendo l’unico rimasto praticamente in costume) a Salvarezza è andato invece il premio per lo straniero (atleta che ha tratti somatici poco simili all’italiano) infine a Balsamo è andato il premio palla tra i denti (essendo il giocatore che ha preso parecchie pallate sul volto). Non solo rugby per Seniores chiaramente, in mattinata c’è stato spazio anche per l’under 12, quasi tutti del Salerno Rugby, il quale hanno aperto le danze alle 10:30. Poi è stato il turno dell’Under 16, dove si sono confrontati i ragazzi dell’Arechi, del Salerno di Avellino e della Zona Orientale. A ciascuno dei ragazzi alla fine delle ostilità è stata regalata una medaglia celebrativa, con il simbolo della Federazione Italiana Rugby. (Arom)

be-ru 7
Chi ama lo sport, odia il razzismo
commenta, divertiti e cerca di essere educato