pa-dp 2
Principi in posa nella consueta foto di rito a fine gara

Finisce con una vittoria, la stagione agonistica del Rugby Due Principati, che battono a domicilio i cadetti della Partenope Napoli, 12-20(2-3) confermandosi al primo posto in classifica con 57 punti, tallonati sempre dal San Giorgio del Sannio a quota 56, il quale han battuto i Wolves Ospedaletto(3-77, che potrebbe trasformarsi in uno 0-20, in quanto i padroni di casa avevano esaurito le sostituzioni dopo tre infortuni). Dodici vittorie(sette in casa e cinque fuori) su sedici incontri, potrebbero non bastare alla franchigia irpino/salernitana per approdare in serie C1, in quanto nell’ultimo turno in programma, fissato per domenica 3 aprile, i Principi osserveranno il turno di riposo, già adempiuto dalle altre squadre, causa la disparità delle stesse, mentre i dragoni sanniti, ospiteranno tra le mura amiche i Cavalieri di Sarno, terza forza del torneo, in caso di una vittoria, ma addirittura di una sconfitta, in cui basta ottenere il bonus per l’attacco(quattro mete) e quello della difesa(scarto di otto punti) e finanche un pareggio(merce rara nel mondo della palla ovale) il team beneventano potrà festeggiare il passaggio di categoria. Quindi il team del Presidente Sbozza, dovrà augurarsi una larga vittoria della Sarnese, o quantomeno di un successo in cui i sanniti non riescano a raggiungere uno dei due bonus sopraelencati, in tal caso conquistando solo un punto, le due squadre finirebbero a pari punti, e regolamento alla mano andranno a disputare uno spareggio in campo neutro. Tutto rinviato quindi alla domenica dopo Pasqua. L’analisi del match di sabato, lo elenca come al solito il direttore tecnico dei Principi, questa volta con un filo di commozione: Maurizio Cascone, a fine gara issato al cielo da tutta la squadra, che a modo loro han voluto ringraziarlo per il suo operato, l’ex assistant-coach della Partenope Napoli : ” Ringrazio i ragazzi per l’affetto dimostratomi, è stato un piacere ed un onore lavorare insieme a loro quest’anno, non ci aspettavamo di disputare un campionato del genere, c’era da ricostruire mattone dopo mattone, dopo la deludente stagione dell’anno scorso, il 26 agosto al primo allenamento eravamo una quindicina, siamo cresciuti sia come organico che come squadra nel corso poi della stagione. Probabile che 57 punti non basteranno per ritornare in C1, nulla è ancora deciso, ma appare improbo che il San Giorgio fallisca la partita contro la Sarnese, dovesse succedere saremo pronti ad approfittarne. Siamo arrivati a quest’ultimo impegno con gli uomini contati, sapevamo che non sarebbe stato facile, siamo riusciti a vincere subendo poco il gioco della Partenope, se non dopo la loro prima meta e nei minuti finali, resta il rammarico pur avendo condotto a lungo le danze di non essere riusciti a segnare la quarta meta, utile al bonus – ha poi proseguito, lasciando intendere i programmi per la prossima stagione, e la tappa Seven di domani a Roma con il Cus – Credo che insieme al mio staff, è stato fatto un buon lavoro, ci sono le basi per continuare a far bene anche il prossimo anno, dove saliranno sette atleti dall’Under 18, oltre ad avere richieste di altri atleti che vorrebbero giocare con noi, intanto domani abbiamo un appuntamento a Roma con il Cus, dove una decina di nostri tesserati, parteciperanno ad una tappa del Seven, organizzata dalle Università romane, poi stiamo valutando di organizzare una serie di amichevoli, miscelate alle Tappe Seven regionali che saranno organizzate dal Comitato Campano” . Minimo stagionale di presenze, all’Albricci di Napoli, solo diciotto i disponibili, dei papabili 24 ipotizzati venerdì, rimandato il debutto del gambiano Touray, che per la regola degli extracomunitari( ventuno più un extracomunitario)ha potuto prendere parte al match, diretto dal beneventano: Daniele Sarracino, che in extremis ha sostituito l’indisponibile Covelli, dinanzi ad una cinquantina di persone, serata primaverile, terreno in buone condizioni. Scelte obbligate, quindi per Cascone ed il suo staff(i tecnici Romeo e Mernone ed il presidente Sbozza) che schierano in prima linea Moccaldi e De Angelis con Della Rocca tallonatore, seconde linee Sellitto e Ferraro, in terza Crispino e Zizza con Balsamo nel mezzo, a guidar la mischia il buon Cafasso, apertura Leo, centri Iannaccone e Salvarezza, ali D’Arco e A.Ruggiero, estremo Pericolo. In panca, il ritrovato Marino, D’Ardia e Illiano. Inizio di marca ospite, che dopo un leggero predominio territoriale, al 5’sbloccano il risultato da una mischia sulla dx, nei cinque metri avversari, Cafasso serve Leo, che finta il passaggio, invece entra lì dove la difesa di casa lascia un’ampia voragine, che la talentuosa apertura battipagliese scorge, siglando la sua seconda meta stagionale, Iannaccone non riesce a convertire, 0-5. I verde/granata, siglato il vantaggio credono di aver già messo in cassaforte l’intero bottino, così non sarà in quanto la Partenope guidata dal suo allenatore/giocatore: Fabrizio Ames reagisce alla grande e al 9′ pareggia i conti, un lancio corto al piede della retroguardia ospite, viene raccolto da uno dei centri che indisturbato, con poca convinzione nel fermarlo da parte degli indecisi avversari,  s’invola verso sx e va a schiacciare in prossimità dei pali, Ames porta in vantaggio i suoi 7-5. I Principi accusano il colpo, subendo il forcing partenopeo che per dieci minuti li costringe nei propri ventidue, fortuna che la difesa regge, il punteggio almeno resta invariato, al 32′ riescono ad uscire dal guscio, sfruttando un piazzato di Iannaccone, per il 7-8. Al 37′ Ferraro per un colpo subito alla malandata spalla, è costretto a chiedere il cambio, il generoso D’Ardia prende il suo posto in seconda linea. Non succede null’altro fino alla fine del tempo, Cascone suona la carica ai suoi, invitandoli a crederci di più, sembrano ascoltarlo, in quanto Zizza&company iniziano ad attaccare con più incisività, al 2′ Salvarezza; ben impeccato dallo stabiese D’Arco, supera in velocita tutti sul versante sx, ma mentre sta per appoggiare in meta gli scivola l’ovale, al 4′ Iannaccone ci riprova dalla piazzola, questa volta senza fortuna, quindi ci vuole un’invenzione del buon Cafasso per allungare il vantaggio, il promettente mediano di mischia salernitano, parte da una mischia chiusa, approfittando delle praterie lasciate libere sulla sx, la fuga del numero 9 termina in prossimità dei pali, corto il tentativo di Iannaccone, quarta meta personale per Ernesto Cafasso, 7-13. Ospiti ancora pericolosi un minuto dopo, con Iannaccone fermato sul più bello dal disperato recupero dell’estremo di casa, dopo che si era portato avanti l’ovale con un calcio a seguire. La gara improvvisamente s’innervosisce, al 19′ il direttore di gara, prova a calmare le acque sventolando un giallo ad un partenopeo, per un placcaggio in ritardo, dalla mischia nasce la terza meta di giornata, confezionata dal corallino Balsamo, che esce palla in mano dal raggruppamento eludendo la sorveglianza dei flanker, finendo la corsa al centro dei pali, sesta meta stagionale e conferma di vice capocannoniere della squadra, Iannaccone porta i suoi sul 7-20. Ci sarebbe il tempo per segnare la quarta meta, si rivede al 20′ Marino, al rientro dopo tredici giornate che fa rifiatare il prezioso Ruggiero, dentro anche Illiano che sostituisce Della Rocca, per il riacutizzarsi del dolore alla spalla, Salvarezza passa in mischia, Marino nei centri, Illiano all’ala. La stanchezza prende il sopravvento, i Principi non riescono più a spingere, a sorpresa invece la Partenope trova le forze per il colpo di coda finale, che proprio allo scadere porta a realizzare la seconda meta di giornata, sfondando sulla dx, il tentativo di trasformazione di Ames centra in pieno il palo, termina 12-20, ai Principi ora non resta che tifare Sarnese, per conoscere il proprio destino.

Formazione 15 Pericolo(k) 14 D’Arco 13 Salvarezza 12 Iannaccone 11 A.Ruggiero (20’s.t. Marino) 10 Leo 9 Cafasso 8 Balsamo 7 Crispino 6 Zizza 5 Ferraro(37’p.t. D’Ardia) 4 Sellitto 3Moccaldi 2 Della Rocca(32’Illiano) 1 De Angelis.

Mete: 9′ p.t. Leo, 8’s.t. Cafasso, 20′ Balsamo

Calci: Iannaccone 5(2)

Man of the match. Balsamo(Aerre)

pa-dp
Brindisi di fine anno negli spogliatoi dell’Albricci, tecnici, presidenti, dirigenti e giocatori, uniti sotto un’unica maglia

Settore Giovanile

Vince e convince l’Under 16, battendo l’Amatori Torre, 15-5 ritorna in solitaria seconda in classifica. La formazione di casa, oggi vedeva scendere in campo solo 15 giocatori a causa delle assenze per infortuni vari e per la squalifica di 2 settimane del capitano Lorenzo Stanzione : 15 Aniello De Benedictis 14 Giuseppe Ferrara 13 Alfonso Apicella 12 Fuoco Paolo 11 Giuseppe Marrazzo 10 Simone Giordano 9 oreste Cannoniero 8 Cultrone Vittorio 7 David Larada Palacio 6 Roberto Fortunato 5 Eugenio Carota 4 Attilio Lepore 3 Gaetano Civale 2 Alessandro Scognamiglio 1 Salvatore Longobardi detto Sasha Una partita Giocata a tutto campo dominata sul piano fisico e del gioco. Subito abbiamo l’occasione di portarci avanti, il nostro 9 fa capire che vuole alzare il ritmo, il gruppo lo segue e da lì a pochi minuti arriva la prima Meta del pilone Gaetano Civale dopo una serie di passaggi con grande velocità e precisione dei compagni. dopo questo….cosa è successo???? Abbiamo giocato a rugby ci siamo divertiti. abbiamo fatto un ottima difesa chiudendo ogni loro iniziativa, abbiamo subito troppe punizioni contro per falli in ruck dovuti all’eccessiva aggressività sui pumti d’incontro a volte fallosa quindi abbiamo dato spesso la palla nelle loro mani. Le mischie sono andate molto bene le abbiamo vinte molte per non dire tutte, loro molto più bravi nella gestione delle stesse, noi solo più forti nello spingere. Qualche errore in touche spesso storte, il nostro lanciatore a bisogno di allenarsi di più sicuramente ma ha fatto grandi miglioramenti e di questo gli faccio i miei complementi. il mediano di mischia , il mediano di apertura, le tre terze linee, il primo e secondo centro hanno dato spettacolo, hanno fatto vivere la palla, tenendo alto il ritmo. Questo tipo di gioco a permesso alla nostra terza centro di entrare ripetutamente nei fianchi della squadra avversaria. Bene l’attacco davanti alla difesa che ha creato tante incertezze alla difesa avversaria, intanto terminato il primo tempo. Il secondo dopo pochi minuti il nostro Eugenio Carota piazza una bella punizione conquistata. la partita registra un cartellino giallo al nostro David Larada Palacio sperando che abbia capito che deve correre a 10mt dopo il fischio del arbitro, gli ultimi 15 minuti di partita si è scatenato l’inferno….. dopo un suggerimento del mister Antonio Mernone.. Fuoco Paolo e Alfonso Apicella hanno invertito i ruoli, da li a poco questi ultimi due citati serviti magnificamente partono dalla nostra 22 e cominciano a correre, nella metà campo il secondo centro prende palla e con una magnifico cambio di direzione lascia l’avversari ben 2 sul posto e va a festeggiare sotto i pali . come dicevo comincia l’inferno, il Torre ferito nell’orgoglio comincia a giocare tutto come gli viene prontamente suggerito dal coach Raffaele tanto che da lì a poco anche loro vanno in meta. Mancano 11 minuti, 11 minuti a difenderci e respingere gli attacchi che noi abbiamo tenuto fino alla fine. Un grazie speciale va al coach Paolo mi ha dato l’opportunità di essere presente insieme al coach Antonio sulla panchina del Salerno Rugby. Non Tutte le partite danno le stesse emozioni, questa era una di quelle che io insieme alla mia squadra e i genitori sostenitori volevamo vincerla sul campo divertendoci. (Marco Sansone)

Under 18

ARECHI RUGBY-DUE PRINCIPATI RUGBY 7-30 Nella domenica delle Sante Palme, si sono fronteggiate a viso aperto le migliori gioventù di Salerno con impreziosimenti irpini. Il punteggio la dice lunga sulla netta superiorità dei ragazzi di sponda salernitanirpina. Nonostante un inizio gara arrembante il Due Principati va sotto di una meta trasformata ad opera dell’Arechi che conquistava un pallone dai propri ventidue ed in contropiede riusciva ad infilzare la difesa dei Due Principati. Ma in 5 minuti ribaltano il risultato con la tenacia di capitan Monaco, che prima conclude in meta trafiggendo il diretto avversario e la seconda oramai proiettato in meta viene sgambettato da un avversario ed l’arbitro non può fa a meno di dare la meta tecnica al centro dei pali . Il primo tempo finisce con un piazzato da calcio di punizione da Monaco. !5 a 17 e si va a riposo. Il secondo tempo non fa altro che esprimere lo strapotere dei Principini che chiudono lo score con altre tre mete realizzate nell’ordine da Cinquanta, Maccaronio, e Marrazzo, quest’ultima meta marcata oltre il 45′, ove i principini nonostante la possibilità di calciare la palla in out è decretare la fine della gara hanno protratto il gioco conquistamdo metri su metri fino al raggiungimento della marcatura. Bella volontà espressa oggi al campo di Casignano ottima espressione di gioco su quasi tutti i punti . Peccato le due gare precedenti perse,se si fossero affrontate con lo stesso spirito di oggi penso che S.Maria e Torre nulla potevano .Peccato che gli obbiettivi che c’eravamo prefissati in quelle due gare sono venuti meno ma ,peccato che questi ragazzi non hanno creduto alle loro potenzialità. Pazienza sarà per una prossima volta sperando sempre di progredire ed inculcare la metalità giusta per il gioco del rugby.

Formazione: 15 Marrazzo 14 D’Arminio (1’s.t. Maccaronio) 13Haboc 12 Monaco 11 A. Ricciardi 10 Adinolfi 9 Cinquanta 8 Iacuzio(15’s.t. Ruocco) 7 Musella (15’s.t. Bizzarro) 6 Rocco 5 Mariani 4 E.Ricciardi 3 Amodeo 2 Triuzzi 1 Valentino

Mete: 1 Monaco, Maccaronio, Cinquanta, Marrazzo, 1 Tecnica

Calci: Monaco 6(2)

Man of the match: Tutti e 18 (Silvano Minelli)

sa-to
Ritorna alla vittoria l’Under 16, superato l’Amatori Torre
commenta, divertiti e cerca di essere educato